CIRCOLO CULTURALE

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

Pieve San Frediano, Lunata

Plebs S. Frediani de Lunata (a.812)

La chiesa di Lunata documentata gi dall' VIII secolo e nell' 812 attestata come Pieve. Prima del 768 la chiesa era dedicata a San Martino, poi venne dedicata a  San Frediano.

Nel libro "Corografia fisica,storica e statistica dell'italia..." di Attilio Zuccagni-Orlandini, del 1845, si legge che della Pieve di Lunata si hanno notizie dal VI secolo e che vi abbia soggiornato per qualche tempo il vescovo Frediano. Si legge, inoltre, che vi era nell'anno 812 un tempietto dedicato a San Martino, che fu poi trasformato in Ospizio per Pellegrini.

La Pieve di Lunata ha subito, nei secoli scorsi, molteplici trasformazioni che hanno cancellato ogni traccia della costruzione originaria. Probabilmente venne ricostruita verso la fine del XII secolo con pietre di calcare bianco, ristrutturata verso la fine del XVIII secolo e ampliata nel XIX secolo.

Nel corredo interno troviamo un'acquasantiera e un fonte battesimale del sec.XV, una tabernacolo della scuola del Civitali, un dipinto di Francesco Vanni e un dipinto di Pietro Nocchi (Madonna con Bambino, 1822)..La possente torre campanaria costruita in pietra serena nella parte inferiore ed in cotto in quella superiore (sec.XII-XIII).La merlatura ghibellina. La Pieve di Lunata controllava  le chiese di: S. Andrea di Tempagnano, di S. Lorenzo di Picciorana, di S. Michele di Antraccoli e di S. Quirico di CapannoriA Lunata era presenta anche lo spedale e chiesa dei Ss Matteo e Pellegrino. Tra i documenti relativi a tale spedale c' un' inventario del 1233L'ospedale era gestito da pi Priori e Pievani. Lo Spedale, sotto il Patronato di molti cittadini e del Priore di S. Frediano, figura in un elenco del 18/05/1520 di Spedali annessi a quello di San Luca.. Lo Spedale fu soppresso nel 1776. La Confraternita presente quella dell' Immacolata Concezione

 

 

Madonna del "Metrito"

 

Un'antica statua lignea di Maria Vergine, chiamata Madonna del "Metrito" stata venerata per molti anni dagli abitanti della Pieve.

Molti fedeli arrivavano anche da altre Diocesi per chiedere grazie alla Madonna.

La scultura che raffigura la  Madonna sul trono con il piccolo Ges  sul ginocchio sinistro  datata al sec.XIII anche se documentata per la prima volta nel 1647.

Verso la fine del secolo scorso stata tolta dalla chiesa per essere maggiormente protetta in quanto considerata "Opera d'arte".

La scultura, recuperata dopo un furto avvenuto una decina di anni fa, si trova in cattive condizioni.

Probabilmente la Madonna era volgarmente chiamata del "Metrito" per aver concesso "grazie" a bambini sofferenti di sussulti nervosi.

 

Lunata deve, probabilmente, il suo nome al sostantivo femminile "lunata" derivante dall'aggettivo "lunato". Lunata = corrosione a forma di arco (o quarto di luna) prodotta nella sponda di un corso d'acqua dalla corrente. Da Lunata passava infatti, il fiume Auser.

 

Bibliografia